Martina

profilo personale

biografia e percorso formativo

Laureata in Archeologia Medievale, conosce il mondo della danza del ventre da piccolissima, durante uno spettacolo di danza del ventre con la spada, dove scopre di avere una predisposizione naturale al “belly rolls” (onda della pancia). Comincia lo studio della danza mediorientale, frequentando veri e propri corsi, soltanto dal 2002 con Lucia Tintori (Nur) studiando lo stile Cabaret Bellydance e si appassiona alle danze con gli accessori quali il velo, i cimbali, la spada, le candele e le ali di Iside. Durante questi anni di studio, ricerche, confronti ed esibizioni cerca di dare una chiave personale allo stile, utilizzando anche musiche che si distaccano da quelle normalmente proposte nelle esibizioni in stile arabo-orientale. L’incontro con lo stile Tribal Fusion e Gothic Bellydance avviene quasi naturalmente, influenzata dalla musica Dark, Elettronica e Goth. In questo stile si sente libera di esprimere maggiormente le sue sensazioni attraverso la danza, esperimenta le fusioni con le musiche e i movimenti delle danze folkloristiche, del flamenco e della break-dance, adattandole alla danza del ventre.
Approfondisce lo studio con danzatrici professioniste internazionali e non, quali Geneva Bybee, Jillina Carlano, Kaeshi Chai e The BellyQueen Company, Moria Chappell, Susan Frankovich, Samantha Hasthorpe, Sharon Kihara, Les Soeurs Tribales, Kami Liddle, Olivia Mancino, Raksan, Suhaila Salimpour e Maria Strova, donandole ogni volta stimoli creativi e grande crescita personale e, nel giugno del 2009, consegue la certificazione di primo livello sulla tecnica fusion del metodo di Suhaila Salimpour (Suhaila Salimpour Bellydance Format).

Insegna danza del ventre a Empoli (FI), Monsummano Terme (PT), Lucca, Ponsacco (PI) e San Miniato (PI), dove tiene mensilmente anche il percorso formativo in Tribal Fusion; effettua workshop di Tribal Fusion e Gothic Bellydance in toscana e in varie zone d’Italia.

Si esibisce presso ristoranti etnici e non, durante manifestazioni, festival ed eventi culturali creando spettacoli anche personalizzati. Nell’estate del 2008 ha ideato e diretto lo spettacolo “BellyDazzle – lo splendore della Danza del Ventre” insieme alle migliori allieve/danzatrici della “Ila el Qamar Troupe”, ripresentato nel 2009 con la collaborazione di altri gruppi di danza toscani (Arabesque Bellydance di Viareggio, Jalilah’s Gawazee di Prato e Le Kamar di Lucca, già ospiti nella prima edizione). A fine 2008 ha creato e danzato uno spettacolo interamente in chiave Tribal Fusion e Gothic Bellydance a Pisa “Yule Night – il lato oscuro della danza del ventre”.